Home > Is Goccius

Is Goccius (Canti Sacri)

Nei “gosos”, come nei “gois” (antichi canti spagnoli), furono esaltate le qualità esemplari e taumaturgiche dei santi ai quali venivano dedicati. Alla conclusione dell’inno, c’era un orazione sottoforma di supplica, che serviva a rivolgere al santo la richiesta di grazia per se, per i parenti e per la comunità. 

Bisogna rilevare che ancora oggi i mementi della vita e il ciclo delle annate agricole, in connessione delle varie feste dedicate, ora questo ora quel santo, hanno i loro “gosos”. Questo fatto ci consente di ipotizzare che nel processo di “folklorizzazione”, gli inni abbiamo subito influenze ideologiche provenienti da formule magiche.

Oppure, si può pensare che essi, sostituiscano una condizione quantitativamente ancora non trasformata, di credenze e formule che , in situazioni esistenziali, adeguatamente critiche, si trasformano qualitativamente, in preghiere sostanzialmente magiche. Gli inni sarebbero quindi un rituale di un orizzonte magico religioso più ampio, nel quale si inquadra tutta la sfera del religioso. La produzione dei “gosos”, in Sardegna è ancora vastissima, per questo motivo si presenta difficile una dettagliata tassonomia degli innumerevoli contenuti, tuttavia si può restringere il campo a tre filoni essenziali, restando nell’ambito più generale degli stessi contenuti fondamentali.

Infatti, se nei gosos dedicati alla Madonna, sono presenti prevalentemente espressioni di lode celebrativa, di contemplazione e di esaltazione e se nei gosos dedicati al Cristo, non si chiedono grazie materiali, ma la virtù necessaria per non peccare più e per raggiungere la rassegnazione. Nei gosos dedicati ai diversi santi ci si rivolge all’intercessore, con un rapporto che è più umanizzato e che è mutuato dalle regole degli istituti sociali di reciprocità (un rapporto basato tra promessa o voto e grazia da ricevere), che sono specifici del sistema sociale tradizionale di organizzazione del lavoro in Sardegna. Si vuole perciò ribadire l’ipotesi fondamentale da cui si parte. Cioè si ritiene che i canti religiosi come i gosos e in altre forme di preghiere definite paraliturgiche (ufficialmente non sono approvate dalla gerarchia della chiesa ma sono abbondantemente usate nella prassi liturgiche delle funzioni religiose).

La maggior parte degli inni sacri e delle preghiere paraliturgiche e prodotto da preti o da religiosi che in quel modo svolgevano un interessante funzione di mediazione di contenuti culturali che vanno dall’alto verso il basso. Gosos simili, a questo, si avvicinano ai contenuti delle “historiaole”, che sono usate sia in Sardegna che in altre regioni, come scongiuri contro o per ottenere qualcosa, in questi gosos, si narra con ampiezza di dettagli, la storia di un santo, nel nostro caso quella di San Lussorio.
Is goccius di San Lussorio, sono composti da diciotto strofe, più una iniziale di invocazione.

Gòccius  de su gloriosu màrtiri Santu Luxori

(laudi del glorioso martire San Lussorio)


Cavalieri rispettau, de Sardigna risplendori

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Illustri e forti campioni, ses de Casteddu ornamentu,

de nobili nascimentuma de falsa religioni.

Negasa s’adorazionia su Deusu umanau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Su nomini tuu, Luxori, indicat ardenti lugi,

po chi risplendat sa grugide Gesus nostru Signori

po dissipai s’erroride is gentilis abbrazzau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

De is annus su mellus frori, a is militaris impresas

dedicas, e cun  prodesas dimostras grandu valori

Dioclezianu imperadori mera stima t’ha mostrau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Unu salmu in sa scrittura, haendi liggiu po accidenti

has provau internamenti una celesti dorciura

po custa sola letturases cunvertiu e battiau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Spintu de onori veementi, abbandonas cun pretesa

onoris, domu e ricche sapo bivi penitenti

senze consorziu de genti,in d’una grutta inserrau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Accanta de Monteleone, est cussa grutta orrorosa

innia grata e deliziosa ti fissas s’abitazioni

su digiunu e s’orazioni est su pastu prelibau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Biendu chi s’idolatria, tottu s’isola infettara

lassas cussa grutta amada e partis cun allegria

ses a tottus, lugi e ghia po distruggi su peccau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Dealasiu su presidenti, sci chi sa lei pagana

disprezzasa, e a sa cristiana has cunvertiu meda genti

dona ordini imponenti po chi bengas arrestau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

S’astutu circat maneras, de ti podi dissuadiri

e prontas ti fait biri penas duras e severas;

cun rexionis is prus veras d’has cunvintu e annientau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

« Mi declaru Cristianu », intrepidu ddi respundis

avvilessis e cunfundis su Presidenti romanu;

chi crudeli e disumanu t’hat a morti cundennau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Delasiu tennit timori, de unu motu populari,

poita ses de singulari parentela e de valori ;

e a Fordongianus s’onori de unu martiri hat donau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

De Casteddu a Fordongianus, ses portau segretamenti;

ti flagellant’aspramenti in d’unu modu inumanu ;

non ti lassant ossu sanu, ses po mortu abbandonau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Su divinu Redentori, ti risanad is feridas,

cussas grazias erricidas predicas cun prus ardori;

cali apostolu de amori ses de tottus ascurtau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

T’appariccias a sa morti penitenti in su desertu;

innia Desus ti rendit certu cussa bella e rara sorti;

cun sa fidi prus che forti a Casteddu ses torrau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Delasiu cun amargura scit chi ses ancora biu

e fortementi inaspriu ndi rinnovat sa cattura;

e ordinat chi cun premura bengias foras degogliau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Send’andendu a su destinu sighiu t’hanti dus pippius

in sa propriu sorti unius Zizzellicu e Camerinu;

lillus de gratu giardinu chi su Xelu hat conquistau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Selargius t’hat erricciu su sambini generosu;

e de is angelus su gosu su Spiritu hat cunsighiu ;

su corpus t’hant’affliggiu cun onori est sepultau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau

Teni de is Sardus memoria difendi sa Patria amada,

po chi sa fidi abbrazzada mantengàus cun vittoria;

de cussu sogliu de gloria proteggi su sconsolau.

Siais  nostu intercessori Luxori santu avocau


______________________________________________________________________________________________________

Traduzione in italiano de Is goccius

Cavaliere rispettato\ splendore di Sardegna\ sii nostro intercessore\ Lussorio Santo avvocato.

Illustre e forte campione\ sei di Cagliari decoro\ di nobili natali\ ma di falsa religione\ negasti la adorazione\ al Dio fatto uomo.

Il nome tuo, Lussorio\ indica ardente luce\ affinché risplenda la croce\ di Gesù Nostro Signore\ per cancellare l’errore (la fede pagana)\ abbracciata dai Gentili.

Degli anni il fior fiore \ alle imprese militari \ dedichi e con prodezza\ dimostri grande valore\ Diocleziano imperatore\ molta stima ti ha mostrato.

Un salmo della scrittura \ avendo letto per caso \ hai provato internamente \ una celeste dolcezza \ per via  di quest’unica lettura \ ti sei convertito e battezzato.

Spinto d’amore veemente \ abbandoni con sollecitudine \  onori, casa, ricchezza \ per vivere penitente \ lontano dalla gente \ rinchiuso in una grotta.

Vicino  a Monteleone \ trovasi tale grotta orrenda. \ Lì grata e deliziosa \ impianti la tua dimora \ il digiuno e l’orazione \ sono il pasto prelibato.

Vedendo che l’idolatria \ contagiava tutta l’isola \ lasci questa grotta amata \ e parti con allegria \ sei per tutti luce e guida \ per distruggere il peccato.

Delasio (prefetto di Cagliari) il presidente \ sa che la legge pagana \  disprezzi, e che a quella cristiana \ hai convertito molta gente \ da ordine ingiuntivo \ che tu venga arrestato.

L’astuto cerca maniere \ per poterti dissuadere \  e pronto ti fa vedere \ pene dure e severe \ con le ragioni più vere \ l’ hai convinto e annientato.

“Mi dichiaro cristiano”. \ intrepido gli rispondi \ e avvilisci e confondi \ il presidente romano \ che crudele e disumano \ ti ha condannato a morte.

Delasio ha timore \ di un motto popolare \ perché se  di singolare \ stirpe e di valore \ e ha Fordongianus l’onore \ di un martire ha dato.

Da Caglairi a Fordongianus \ sei portato segretamente \ ti flagellano aspramente \ in un modo disumano: \ non ti lasciano osso sano \ preso per morto sei abbandonato.

Il Divino Redentore \ ti risana le ferite. \ Ricevute queste grazie \ predichi con più ardore \ quale Apostolo d’amore \sei da tutti ascoltato.

Ti appresti alla morte \ penitente nel deserto \ lì Dio ti dà la conferma \ della bella e rara sorte. \ più che forte nella fede \ a Cagliari sei tornato.

Delasio con rammarico \ viene a sapere che sei ancora vivo \ e fortemente inasprito \ di nuovo ti cattura \ e ordina che sollecitamente \ tu ne venga fuori decapitato.

Mentre andavi al tuo destino \ ti hanno seguito due fanciulli \ nella stessa sorte uniti \ Cisello  e Camerino \ gigli di grazioso giardino \ che il cielo ha conquistato.

Selargius ha ricevuto \ il tuo sangue generoso \ e il gaudio degli angeli \ ha ottenuto il tuo Spirito \ il corpo tanto afflitto \ con onore viene sepolto.

Serba memoria dei Sardi \ difendi la Patria amata \ affinché la fede abbracciata \ abbiano a mantenerla vittoriosamente \ da codesto soglio  di gloria \ proteggi lo sconsolato.

Sii nostro intercessore \ Lussorio Santo avvocato.





 

Web Design: Piludu.it - Cagliari